Il nostro negozio online fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione. 

close

Le zanzare - rimedi nanturali

Guarda le nostre offerte:

Linea Zanzaten

Linea Autan

zanzara1.jpeg

 Come difendersi dalle zanzare

Lo sapevate che le zanzare, oltre ad essere gli insetti più temuti e fastidiosi delle nostre estati, sono anche i più letali del pianeta? Uccidono più di qualunque altra specie animale. E riescono a percepire il nostro “odore” ad oltre 100 metri di distanza, grazie ai ricettori di anidride carbonica. Ma solo le femmine succhiano il sangue. E ci sono degli elementi che ci rendono più “appetitosi”. Scoprite tutto nel nostro decalogo.

1. La zanzara (il nome è onomatopeico) è l’unico insetto, insieme ai tafani ematofagi, a nutrirsi di sangue, sia umano che animale ed è la creatura più letale del pianeta. Causa più morti di qualsiasi altro animale, attraverso la malaria, la febbre dengue, la febbre gialla, l’encefalite e la chikunguny.

2. Solo le femmine pungono e succhiano sangue. Il sangue serve infatti a far maturare le uova. I maschi si nutrono di sostanze zuccherine. Si calcola che una zanzara femmina, che ha un ciclo vitale da 1 a 5 mesi, può generare 250 milioni di miliardi di zanzare nell’arco di otto mesi.

3. Colgono il nostro odore fino a 160 metri di distanza, grazie a ricettori di anidride carbonica. Per questo motivo l’alimentazione o il metabolismo, particolarmente accelerato, sono in grado di rendere alcune persone più individuabili. Quelle sovrappeso e le donne incinte, per esempio, sono più a rischio.

4. A renderci più “appetitosi” sono: l’attività fisica (le zanzare sentono l’odore dell’acido lattico, dell’ammoniaca e dell’acido urico espulsi con il sudore), l’alcol, perché aumenta la temperatura corporea e ci rende più riconoscibili. E soprattutto le colonie di batteri che albergano nei pressi di piedi e caviglie (Il che spiegherebbe perché pungono soprattutto alle estremità).

5. Analisi scientifiche hanno dimostrato che le zanzare a parità di scelta preferiscono il sangue del gruppo “0” più che quello del gruppo “B” e circa il doppio di quello del gruppo “A”.

6. Il dolore e il prurito sono dovuti al rilascio di istamina nel nostro corpo in risposta alla saliva (tossica per noi) che la zanzara ci iniettaper intensificare l’afflusso di sangue ed evitare che coaguli, mentre se ne nutre. La reazione cambia di persona in persona. Gli esperti consigliano di non grattarsi: servirebbe solo a muovere i residui di saliva, aumentando così la risposta all’istamina. Meglio lavare le punture con sapone neutro e acqua fredda.

7. Le zanzare non esistono in tutto il mondo: In alcuni paesi come l’Islanda e le isole Faroe sembra che non ce ne siano. Ma il freddo non c’entra (in Norvegia, per esempio, le zanzare ci sono). Potrebbe invece dipendere dalla chimica dell’acqua e della terra.

8. Hanno bisogno dell’acqua per vivere e riprodursi. Sono in grado di colonizzare anche le acque più povere di ossigeno. Partono dall’acqua e lì tornano.
9. In Italia ci sono 60 specie di zanzare: 12 sono le Culex, nome della specie più diffusa; 3 le Anopheles, che veicolano la malaria; poi ci sono le Aedes, cui appartiene la zanzara tigre e la «zanzara coreana», Aedes koreicus, ultima arrivata, segnalata nelle zone montane del Bellunese.

10. Alcuni alimenti hanno una provata capacità di tenere lontane le zanzare: l’aglio, perché le irrita e confonde (anche se alcuni studi recenti avrebbero sfatato questo mito). Anche carote e peperoncino sono considerati repellenti naturali, per lo stesso motivo. Tra i colori, il nero e il rosso sono i più attrattivi, mentre il bianco è il meno attrattivo.

Fonte: DiLei

 

 

Come difendersi dalle zanzare, repellenti naturali

Quando le temperature iniziano ad aumentare, le zanzare cominciano a schiudersi e vanno a caccia di cibo. Le Zanzare femmina si nutrono di sangue, ne hanno bisogno per sviluppare al meglio le uova da fecondare, al contrario le zanzare maschio non si nutrono di sangue ma preferiscono nettari e succhi vegetali.

Il modo più immediato per difendersi dalle zanzare è dato dai repellenti chimici o organici. Tali repellenti ci rendono “invisibili” alla zanzara che non potrà più percepire il rilascio del calore corporeo, dell’umidità o dell’anidride carbonica. La zanzara in volo si disorienterà e noi saremo “salvi”. In commercio esistono repellenti chimici tradizionali oppure oli naturali come gli estratti di citronella, geranio, menta, rosmarino, cedro, lavanda e il più efficace, l’olio di erba gatta.

I repellenti naturali per difendersi dalle zanzare non durano più a lungo dei repellenti chimici ma neanche di meno. Essi possono respingere le zanzare per circa 2 o 3 ore. Un metodo più noioso è quello di essere più prudente durante le prime ore del mattino (circa all’alba) e dopo il tramonto, le zanzare sono più diffuse in questi orari. Sarà necessario prestare più attenzione se si vive nei pressi di uno specchio d’acqua o in una zona paludosa: le zanzare si riproducono in tali habitat.

 

Puntura di zanzara, rimedi anti-prurito

Ma se una zanzara ha già pranzato consumando un allegro banchetto sulla nostra pelle, quali sono i rimedi per alleviare il fastidio della puntura? Non sappiamo se quanto segue può portare un reale sollievo ma provare non costa nulla. Ecco un elenco di rimedi “fai da te” trovati in rete:

– strofinare sulla puntura la parte interna di una buccia di banana
-passare sulla puntura del Vicks
-applicare aloe vera per le sue proprietà lenitive
-applicare del dentifricio alla menta, rinfrescherà dando sollievo
-acquistare appositi antistaminici o creme in farmacia
-applicare una fettina di limone
-applicare gel di aloe vera

Il gel di aloe vera è molto efficace per contrastare il prurito delle punture di zanzara o altri insetti. Sono molti i rimedi naturali con aloe vera che possono tornare utili in casa, quindi non vi resta che iniziare a coltivare una pianta di aloe sul vostro balcone o in casa, nella zona più luminosa della cucina.

 

Come difendersi dalle zanzare in giardino

Potete iniziare a coltivare alcune piante in grado di allontanare le zanzare in modo naturale. Per l’efficacia di questo rimedio naturale dovete coltivare piante in file o in cespugli così da creare delle vere e proprie barriere vegetali.

Le piante che funzionano da repellente efficace contro le zanzare sono:

  •          Calendula officinale
  •          Citronella o lemongrass
  •          Elicriso, Hilichrysum italicum
  •          Pelargonio odoroso
  •          Pianta dell’incenso
  •          Canfora
  •          Catambra
  •          Piante aromatiche come menta, lavanda, basilico, melissa e timo.

Per difendersi dalle zanzare in giardino seguite i rimedi naturali visti nella guida di approfondimento: Come allontanare le zanzare in giardino.

Zanzare da allontanare, tre specie diverse

La lotta alle zanzare è resa più difficile dalla presenza di più specie nel nostro territorio. Oltre alla zanzara nostrana, tipica dell’area del mediterraneo, vi sono delle zanzare provenienti dall’estero caratterizzate da comportamenti e forma propria. Le specie che rendono infernali i nostri pomeriggi in giardino sono tre:

  •          Culex pipiens

E’ la nostra zanzara più classica. E’ presente in nel nostro paese da sempre. Ha un colore grigio-marrone e un corpo di 7-8 mm. Vive benissimo in ambiente urbano.

—> E’ attiva nelle ore notturne o a tarda sera.

  •          Aedes caspius

E’ arrivata in Italia da pochi decenni. Ha un corpo di colore marrone chiaro con anelli biancastri che circondano le zampe. Prospera meglio nelle zone agricole e di campagna ma vive anche in ambienti urbani.

—> E’ attiva soprattutto nelle ore crepuscolari.

  •          Aedes Albopictus

E’ la tanto odiata zanzara tigre. Presenta un corpo di colore nero, lungo fino a un centimetro, con striature biancastre. E’ arrivata in Italia intorno agli anni ’90 ma si è diffusa moltissimo negli ultimi tempi. Può trasmettere malattie di origine virale. La zanzara tigre è più difficile da contrastare della zanzara nostrana tradizionale e anche più fastidiosa per le sue abitudini (va a caccia di giorno).

—> E’ attiva anche di giorno.

Come difendersi dalle zanzare, lotta biologica

In molte città d’Italia si sta diffondendo la lotta biologica. I predatori delle zanzare, per eccellenza, sono i pipistrelli. Altri predatori naturali sono pesci, rane, libellule, damigelle, rospi…. Per maggiori informazioni sulla lotta biologica per contrastare la zanzara e la zanzara tigre vi invitiamo a leggere i nostri approfondimenti:

  •          Pipistrelli in giardino per eliminare le zanzare
  •          Lotta biologica alle zanzare

 

Pubblicato da Anna De Simone

 


Fonte: Idee Green